allenatori_sport.LOSPIAZZO

RIUNIONI DIVERSE… STESSO PRINCIPIO!

Confronto: in qualsiasi sport e in ogni società!

Che sia una società grande o piccola, nello sport ci sono sempre motivi (e argomenti) per una riunione tecnica; il confronto tra allenatori non manca mai. Da un lato, possono nascere questioni di natura logistica: un cambiamento nell’organizzazione operativa della società, l’istituzione di nuovi settori, l’arrivo di un responsabile dall’esterno o la promozione di un socio… Dall’altro, si affrontano anche problemi più legati al campo: metodologie e tattiche, l’andamento di alcuni atleti, ma anche la partecipazione a competizioni locali e nazionali.

Se le dimensioni di una società possono influire sulla scelta degli argomenti (e sulla durata!) delle riunioni, possiamo però individuare questioni e problemi che le accomunano tutte. Alice Accornero, allenatrice di atletica, e Marco Noce, istruttore di calcio, hanno gentilmente messo a disposizione le loro competenze di allenatori ed il loro punto di vista di educatori: insieme abbiamo capito che ogni sport ha sì le sue modalità anche nelle riunioni, ma come fondamento c’è sempre il bisogno di comunicare, confrontarsi ed essere una squadra, in campo come in ufficio.

(altro…)


GRANDI ATLETI, PICCOLI INIZI

Accogliere chi inizia un nuovo sport

È sempre entusiasmante il momento in cui un giovane comincia un nuovo sport, e nello specifico uno sport di squadra.

Il primo allenamento è solo una tappa di un percorso già cominciato precedentemente: l’iscrizione, il gioco con i propri genitori o amici, l’acquisto dell’attrezzatura nuova e, in molti casi, anche la visione di un film o di una partita che hanno fatto maturare e sbocciare questo desiderio.

(altro…)


SUPER TERMINUM

Il coach alle prese coi limiti: come gestirli?  

«Ci saranno sempre dei sassi sul tuo cammino, dipende da te se farne dei muri o dei ponti», dice un aforisma. Incontrare i nostri limiti può diventare un blocco che ci paralizza o uno stimolo che spinge a superarli. Questo vale nello sport come nella scuola, anche se ci sono delle differenze.

Questi due articoli mostrano in che cosa i due mondi si avvicinino e in che cosa siano lontani e come da entrambe le parti l’educatore abbia un ‘potere’ fondamentale: può far diventare i sassi dei bellissimi ponti.

(altro…)


OK, LO SPORT È GIUSTO!

Aiutare nella scelta non solo i ragazzi, ma anche la famiglia

Capire quale sia il “proprio” sport non è semplice, soprattutto se dobbiamo farlo sin da piccoli in modo ponderato e con criterio.

Trovare l’attività sportiva più adeguata alle proprie caratteristiche aiuta a scoprire di più su se stessi, valorizzare i pregi e individuare le fragilità su cui lavorare, sia sul puro piano fisico e atletico, sia su quello umano.

Per fare la scelta giusta servono dei punti di riferimento, che in questo caso possono essere gli allenatori, quando già si fa sport, ma ancor prima i genitori.

(altro…)


SPORTIVI IN FUGA

Come l’allenatore può essere d’aiuto?

Drop out: fenomeno sempre più diffuso, ma per fortuna sempre più studiato.

Dalle molte ricerche sulla tematica, sembra che il più delle volte all’origine dell’abbandono sportivo ci siano elementi concomitanti: l’agonismo esasperato, alimentato dall’ansia del risultato e da genitori e ambiente troppo pressanti, l’illusione di diventare dei campioni che però non si concretizza, la scoperta di nuovi interessi, il venire meno di divertimento e motivazioni sane. Insomma, il fattore scatenante non è quasi mai uno solo.

(altro…)


DUE SORELLE: UN ESEMPIO

La vera storia delle atlete Moceanu

Ripercorriamo la storia delle sorelle Moceanu, non stile “social-emotion” o “rotocalco TV”: vogliamo riproporvi la loro incredibile e duplice esistenza come vera e propria proposta educativa, da poter utilizzare durante i vostri momenti “formativi” con i ragazzi che allenate.

Quante volte i vostri ragazzi si arrendono allo sconforto della sconfitta o si fanno abbattere dalla fatica dell’allenamento! In questi momenti, un allenatore ha il compito, con pochissimo moralismo e nessun atteggiamento da “maestrino”, di risollevare gli animi, di ridare sane motivazioni, di proporre degli esempi costruttivi.

(altro…)


PARI… OSTILITÀ

Se il pareggio brucia più della sconfitta

Caro Lo Spiazzo,

ultimamente alla mia squadra sono capitati tre pareggi di fila e i ragazzi la stanno prendendo davvero male. Come posso aiutarli ad accettare che non sempre si vinca e a vivere il pareggio in modo costruttivo e positivo?  Avete qualche consiglio? Grazie

Dario

(altro…)


O CAPITANO, MIO CAPITANO!

Come si sceglie (e si spiega) un caposquadra?

Buongiorno staff de Lo Spiazzo,

mi chiamo Claudio e faccio l’allenatore di calcio in un piccolo centro sportivo. Quando si tratta di scegliere il capitano della squadra i ragazzi si lamentano sempre e fatico a far capire loro l’importanza e il perché di questa scelta. Avete qualche consiglio da darmi?

Claudio

(altro…)


PAROLA D’ORDINE: EMPATIA!

Fatica e allenamento… insieme si può!

Grazie all’esperienza di una ex nuotatrice di sincronizzato, abbiamo scoperto un po’ di più su questo sport. Giulia Berruto ha iniziato a sei anni, spinta da semplice curiosità, che poi è diventata passione: ha continuato anche a livelli agonistici fino a 18 anni, partecipando agli Italiani.

(altro…)