animatori_oratorio.LOSPIAZZO

CHE FESTA QUESTO INIZIO!

Spunti e appunti per il primo giorno del centro estivo.

È arrivata l’ora: il centro estivo apre i battenti! Quando ne attraverseranno le porte, i ragazzi porteranno entusiasmo e risate, assieme ad aspettative e desideri. Quel che vedranno e sperimenteranno già dal primo giorno influirà sul modo in cui vivranno l’esperienza, quindi prendersi cura di questa giornata speciale di accoglienza li aiuterà a entrare con gioia ed energia nello spirito del centro estivo.

(altro…)


SANTO SUBITO!

Faccio, dunque sono animatore.

L’acclamazione “Santo subito!” risuonò anni fa in piazza San Pietro a Roma e aveva come soggetto un uomo specialissimo: Karol Wojtyla, il “papa dei giovani”. Questo papa ha guidato tutta la Chiesa (non solo i giovani) più di un quarto di secolo, cioè per circa un terzo della sua vita.

(altro…)


PREGARE CANTANDO

Una situazione ricorrente: «quali canti facciamo stamane?»

Il linguaggio rituale e simbolico della Messa spesso viene percepito come distante dal modo in cui noi ci esprimiamo, una distanza che, talvolta, rende difficile la partecipazione stessa ai riti e ai momenti di preghiera. E considerando che non è il cristiano che fa, a suo piacimento, la liturgia, ma è la liturgia che fa, plasma, il cristiano, senza conoscere il senso del rito, il significato rimane nascosto: è come danzare senza avere il senso del ritmo.

(altro…)


ANDATE E ANNUNCIATE

Come pregare bene con i ragazzi.

La conclusione di un campo scuola o di un cammino di gruppo è un momento molto importante e quindi va curato con attenzione. Essa infatti non serve soltanto a ricapitolare tutto il percorso ma anche a orientare verso il futuro: a far sì che l’esperienza non rimanga chiusa in se stessa, bensì diventi un seme capace di portare frutto anche molto tempo dopo. (altro…)


SCELTE DI VITA

Saper decidere per la propria vita.

La storia infinita di Wolfgang Petersen racconta l’avventura di un ragazzo di nome Bastian, amante della lettura ma non della scuola, che un giorno entra in possesso di un libro speciale e decide di leggerlo nella soffitta della scuola saltando tutte le lezioni. Il libro narra la storia di Fantàsia, un mondo generato dalla fantasia degli uomini e che si trova in grave pericolo a causa di un nemico molto potente: il “nulla”. Per salvare il regno, un giovane guerriero, Atreyu, deve affrontare e superare diverse prove. (altro…)


DENTRO E FUORI LA SCATOLA

Imparare a conoscerci e… a farci conoscere.

Per sviluppare l’intelligenza emotiva, ma anche e soprattutto per migliorare il nostro ben-essere, il miglior luogo da cui cominciare è la conoscenza di noi stessi. Una conoscenza che, in realtà, ha due lati, uno “introverso” (dal latino intro + vertĕre, “volgere dentro”) e uno “estroverso” (sempre dal latino extra + vertĕre, “volgere fuori”). Se già dai tempi del «conosci te stesso» dei Greci si sottolineava l’importanza di comprendere cosa vive in noi, altrettanto fondamentale è rendersi conto di quale sia l’immagine che mostriamo, più o meno consapevolmente, agli altri. (altro…)