IL VALORE DELLE COSE

Apprezzare gli oggetti giocando

Quanto abbiamo a disposizione ogni giorno e quanto lo diamo per scontato?

Quando viviamo in una situazione stabile è facile abituarsi a tutti i beni materiali di cui ci circondiamo: ma se quella stabilità venisse meno, quanto sarebbe difficile farne a meno? Quest’attivazione vuole appunto far riflettere sull’importanza di apprezzare anche le cose più “semplici”.

(altro…)


VIDEOMAKER… CIAK… AZIONE!

Piccoli registi crescono

Il cinema ha un fascino innegabile sui bambini.

In particolare, le ultime generazioni sono nate e cresciute sempre circondate da immagini. La realizzazione di un video diventa allora un’occasione per non fermarsi al ruolo di spettatore, bensì per assumere un approccio più creativo (e, perché no, critico), che riconosca ed eserciti questa nuova forma d’espressione.

(altro…)


IL SENSO DEL RITO. IL RITO DEL SENSO

Una tradizione: tanti significati

Avvento: tempo ricco di tradizioni.

Spesso gli ultimi incontri prima del Natale sono l’occasione per realizzare il presepe, l’albero o il calendario con i ragazzi. Un rito che si ripete ogni anno, con l’intenzione di celebrare la gioia che c’è nell’attesa di un evento così importante. E che intenzione, o quale senso gli danno i ragazzi? Lo scopo di questa attivazione, incentrata sul presepe, è proprio questo: trovare un senso assieme, affinché, per ciascuno, la tradizione diventi qualcosa da tramandare dal cuore e di cuore.

(altro…)


UN GIOCO DI TUTTO RISPETTO

Fair play: una partita corretta

Chi pratica uno sport sa bene che il rispetto va assolutamente riconosciuto agli avversari, oltreché ai propri compagni di squadra. Le associazioni sportive e/o il volontariato sportivo spesso dimenticano di trattare questo tema e lo “seppelliscono” sotto una troppo spessa coltre di “duro allenamento per uomini che non devono perdere mai”.

(altro…)


LA FATICA DEL SENSO E IL SENSO DELLA FATICA

Il divertimento non esclude l’impegno.

Nel gergo sportivo, con “atleta appagato” si intende un atleta non più motivato a vincere. Da un punto di vista filosofico e psicologico, invece, “appagamento” sta ad indicare la presenza di un senso, un significato nella vita di una persona. La presenza di un sistema di valori, che è ciò che evita la caduta nel “vuoto esistenziale”. Nel nostro caso, in particolare, ciò che aiuta a “sopportare” la fatica è la sensazione di sentirsi parte di una squadra, che è il contrario della solitudine.

(altro…)


PUNTI DI VISTA

Dipende da dove lo guardi.

Vi siete mai chiesti perché ai bambini raccontiamo le fiabe? Certamente non per ingannarli o per far loro credere, ad esempio, che gli animali parlano o che esistono degli esseri con dei poteri magici. La narrazione orale, fin dai tempi più antichi, è uno strumento educativo: fornisce, infatti, modelli da seguire (o da evitare) e rispecchia, in maniera metaforica, delle situazioni di vita quotidiana in cui riconoscersi, per imparare ad affrontarle meglio in futuro.

(altro…)


PRATICARE LA MISERICORDIA

DARE a chi ha fame e sete = CONDIVIDERE.

In questo anno giubilare, papa Francesco ci invita a vivere la Misericordia come esperienza di profonda concretezza.

Ma come affrontare l’argomento con i bambini? E’ facile che i nostri nonni o genitori ricordino di aver studiato al catechismo “le opere di misericordia”, cioè delle azioni da compiere, degli atteggiamenti da esercitare per la trasformazione del cuore e l’imitazione di Gesù. Applicare la Misericordia realizzando questi gesti può essere un’ ottimo punto di partenza. Proponiamo un’attivazione che riguarda nello specifico due opere di Misericordia corporale: dar da mangiare agli affamati e da bere agli assetati.

(altro…)